SEGUICI ANCHE SU
PROFILO

blog | Di Video Vela

31/05/2016 - 14:03

Vela e scuola, così fanno negli USA...

Un bel video su come, negli Stati Uniti, si declinano le parole "Scuola" e "Vela". Siamo così sicuri che per far piacere la vela ai giovani servano foil, acrobazie, vele colorate, terrazze e trapezi? A guardare questo video non si direbbe!


Da Scuttlebutt.com, il caso della St. Mary's agli Intercollegiate di vela: un video molto bello, coinvolgente, girato in soggettiva da uno studente, che si sveglia, inforca occhiali e skateboard, e vola al circolo velico per farsi una veleggiata...



Un tributo alla squadra del St. Mary’s Sailing Team al suo coach Bill Ward e ai suoi ragazzi Markus Edegran, Alex Curtiss, Mackenzie Cooper, and Carolyn Smith. Crews: Shelby Jacobs, Pat Tara, Greer Wattson, e Julia Monro, che partecipano alle regate primaverili della Intercollegiate Sailing Associations sponsorizzate da Sperry e Gill.

Senza spi o gennarer, senza trapezio, senza foil, senza terrazze, ali, kite... insomma senza tutto quello che oggi è ritenuto cool e irrinunciabile per far presa sdui giovani. Ma non sembra anche a voi che questi giovani studenti, su barchette normali, solo randa e fiocco, si divertano un mondo a veleggiare e regatare?
Un altro tassello che completa la domanda chiave: fino a quanto deve spingersi la vela a cambiare e snaturarsi per inseguire i gusti (presunti) de pubblico?

Commenti

Luciano (non verificato)

Sono pienamente d'accordo con te, però converrai che noi non siamo l'America e purtroppo non abbiamo le strutture che vediamo nel video e credo con la mentalità e la burocrazia di oggi non le avremo mai. Comunque è sicuramente la strada migliore per fare vela, tutti monotipi semplici quindi a basso costo d'acquisto e di gestione che permettono un sano divertimento non tralasciando la parte tecnica ed agonistica. Per ora un sogno, la realtà sono quel flop delle FIV 555 progetto veramente inutile, costoso e secondo me, sbagliato. Per ultimo nei college gli sport sono gratuiti da noi si paga anche l'aria che respiriamo aspettando un vento migliore regoliamo le vele per quello che abbiamo e procediamo sulla nostra rotta