PROFILO

23/04/2011 - 17:54

PalmaVela 2011, Palma di Maiorca. Tra il sacro e il profano c'è di mezzo il mare

Il Real Club Nautico di Palma e, sullo sfondo, la Cattedrale di Palma di Maiorca


A Palma di Maiorca il clima è festoso e mistico insieme. Ogni mattina uno scroscio beneaugurante saluta le oltre cento imbarcazioni qui radunate per la Mapfre PalmaVela 2011. Alle dieci l’aria è tersa e il sole brucia. “Clima tropicale”, dicono in tanti scrutando il cielo. Il vento si alza puntuale. Ieri i nodi sono stati in media 18, con punte di 20-22 nel primo pomeriggio.
Domani è Pasqua, e in questi giorni a Palma di Maiorca i riti della Settimana Santa si sono succeduti sera dopo sera con le tradizionali processioni degli incappucciati a snodarsi tra le stradine della città vecchia. La notte di giovedì Santo alle due del mattino la statua del Cristo deposto, il “Cristo del sangue”, ha raggiunto la cattedrale di Santa Maria accompagnata da migliaia di persone. Succede ogni anno dal 1557.
Sospeso tra cielo e terra c’è il mare, e in mare c’è la regata. Da giovedì qui a Palma sono in gara dodici classi di imbarcazioni, per un totale di 120 barche in acqua, 1000 velisti e 15 Paesi rappresentati, in azione su quattro differenti campi di regata. Le regate si concluderanno domani, domenica, Pasqua del Signore dell’anno 2011.
Per i maxi la PalmaVela apre la stagione in Mediterraneo, e formalmente costituisce il primo evento del campionato annuale dell’IMA, la International Maxi Association. I maxi iscritti sono 14, e per loro è stato allestito un apposito villaggio nel punto più esterno dell’insenatura. I wally sono 8 – Magic Carpet 2,Y3K, Inti, Open Season, Esense, SY JOne, Ryokan 2 e Kenora -  mentre altre 6 barche risultano nella categoria “Maxi”: Alegre, Highland Fling XI, Jethou, Vertical Smile, Whisper, aRobas. Al momento in cui pubblichiamo, dopo le regate di giovedì e venerdì quindi, Alegre di Andres Soriano conduce la testa della classifica tra i maxi, e Magic Carpet 2 quella dei Wally.
Ci sono poi i TP52, e tra di loro Audi Azzurra Sailing Team si sta facendo onore. In attesa dell’esordio ufficiale del mese prossimo, questo giro di prova sta mettendo in luce le buone potenzialità del team, stretto intorno a Guillermo Parada e ai nostri Francesco Bruni e Vasco Vascotto. Dopo sei gare mantiene saldamente la testa della classifica provvisoria, seguito dal nuovo Ràn di Niklas Zennström e da Quantum Racing.
E tanto altro ancora: J80, Dragoni, Flying fifteen, vela per disabili, barche d’epoca: Il Real Club Nautico di Palma ha messo in scena un gran bell’evento, nonostante le non facili congiunture economiche che hanno tagliato le gambe al tradizionale sponsor, Hublot.

Cinque della sera, arrivano i risultati di oggi. E suonano le campane.

Già, domani è Pasqua.

Commenti

Giulio (non verificato)

Ma ki se ne frega... perchè non ci siete andati due settimane fa, quando c'era la regata di Coppa del Mondo di Classi Olimpiche. 15 paesi...ma di che miseria stiamo parlando (sportivamente)??? Basta co 'sti barconi elevati a sport solo perchè pagano i giornalisti... (tipo questo articolo)
A Giulio, ma ke dici? Konosci qualcosa ke noi non sappiamo? Questo non è un articolo, è un Blog e sta in una sezione chiamata Piazza Vela...hai presente la differenza? Ki paga cosa? E guarda ke su Palma (e in generale sulla vela olimpika) Saily non teme confronti, sia sul Magazine che sulla webTV, la copertura è totale. E tu dov'eri? Resta da queste parti che ti divertirai...