SEGUICI ANCHE SU

Commenti

tomaso thellung (non verificato)

Questa notizia è una lama nel cuore per chi ama la vela italiana e per chi segue le imprese eroiche di uomini appassionati come Andrea. Il nostro paese non è pronto per coltivare delle perle come te Andrea...non mollare e continua a farci sognare!

Silvio Pignone (non verificato)

Considerando che si è ritirato anche Bertelli dalla Coppa America forse vale la pena di fare una considerazione generale. la vela è un business anglo/francese e lì si trovano i soldi, da noi la vela è sempre stata uno sport per ricchi evasori costringendo gli appassionati a defilarsi con la bandiera francese e belga ( vi immaginate un francese con bandiere italiana ?!). Le regate invernali e di club sono ormai frequentate da pochi irriducibili che per mettere su un equipaggio costringono moglie e figli alle manovre... In questo contesto come poteva pensare il bravo Andrea di ricevere 2 milioni di euro dalla regione Sardegna che si trova a fare fronte a ben altre emergenze che sponsorizzare uno sport come ho descritto sopra ? comunque Andrea ha fatto una esperienza straordinaria facendo costruire una barca fantastica da un fantastico cantiere italiano ( mentre qualche italiano fa costruire le barche in polonia ) e vendendola, spero con profitto ad un team Francese. mi sembra un risultato eccellente e non qualcosa di cui rammaricarsi troppo.

roberto (non verificato)

l'italia non ama i suoi figli, anche questa è la dimostrazione che non siamo pronti, nel mondo della vela c'è tutto da ridiscutereiniziando dal coni e finire alla fiv, concordo co silvio. forza andrea, io continuo a sognare.

roberto (non verificato)

l'italia non ama i suoi figli, anche questa è la dimostrazione che non siamo pronti, nel mondo della vela c'è tutto da ridiscutereiniziando dal coni e finire alla fiv, concordo co silvio. forza andrea, io continuo a sognare.

Piero (non verificato)

Se il più grande gruppo industriale del paese non sprecasse soldi a far girare un VOR 70 senza scopo si potrebbe sognare la vera sfida marchiata Italia!

gianni gabbi (non verificato)

Ennesima conferma,ma non ce ne era bisogno,che siamo un paese di cialtroni,che ha perso completamente la propria cultura.Anche questa volta devo dire di vergognarmi di essere italiano.