SEGUICI ANCHE SU

News | Regata > Coppa America

13/03/2018 - 11:17

36 America's Cup

Torna a casa Jimmy
e si riprende la Luna

Luna Rossa annuncia l'acquisto più atteso: torna a bordo del team James "Jimmy" Spithill. Profilo dell'asso australiano, che in Italia ha scritto alcune belle pagine della sua carriera

 

Era nell'aria da giorni, e ieri sera alla tavola rotonda prima del Velista dell'Anno FIV, lo stesso Max Sirena a stento ha evitato di confermare le voci. Alla fine è arrivata la comunicazione ufficiale: Jimmy Spithill, vincitore della Coppa America nel 2010 e 2013 (con Oracle), già timoniere nella precedente sfida di Valencia 2007, ritorna nella squadra velica della sfida di Luna Rossa per la 36 America's Cup di Auckland 2021.

Tante volte campione del mondo in svariate classi e soprattutto considerato tra i più grandi talenti del match race, ma anche vincitore di due Rolex Sydney-Hobart con il super maxi Comanche, Jimmy si è rivelato un velista precoce fin dalla tenera età, vissuta in una piccola città a Nord di Sydney, accessibile solo via mare.

La sua carriera è vissuta tutta sul filo dell'enfant prodige: è stato il più giovane timoniere di Coppa America a Auckland nel 2000 (Young Australia), poi il più giovane a vincere il trofeo più antico della storia sportiva (titolo recentemente soffiatogli da Peter Burling nella finale di Bermuda vinta da Emirates Team New Zealand). 

Il "rosso" Jimmy, solo all'apparenza glaciale come dev'essere un match racer di razza, ma a terra personaggio carismatico e capace di fare gruppo da vero leader, ha lasciato ricordi importanti proprio in Italia, e non solo per i tanti tifosi di Luna Rossa che lo ricordano al timone della difficile edizione 2007 di Valencia. Spithill infatti ha corso molte regate in Italia, e in particolare ha vinto per tre volte il Trofeo Challenge Roberto Trombini a Marina di Ravenna, celebre evento internazionale match racing di Grado 1 ISAF, di fatto chiudendo la storia dell'evento, che ha fatto definitivamente suo col terzo sigillo.

Da Luna Rossa si chiosa così il sio ingaggio: "La presenza di James Spithill rinforza significativamente l’organico di Luna Rossa, portando all’interno del team un’enorme esperienza tecnico-sportiva su barche ad alte prestazioni". In realtà l'approdo di un top player come Spithill, che ha sempre avuto il ruolo di timoniere e skipper nelle ultime sfide di Oracle, richiederà l'ulteriore sistemazione della posizione di Francesco Bruni, indiziato per fare a sua volta il timoniere. C'è anche Vasco Vascotto, da anni super tattico nel circuito TP52.

La constatazione ovvia, quasi "calcistica" è: meglio avere abbondanza che carenza di talenti. Ma è ovvio che andrà gestito il turn over. In primo luogo Spithill sarà probabilmente a bordo del TP52 Luna Rossa (prossimo al varo a Trieste tra qualche settimana) insieme a Checco Bruni e allo stesso Vasco Vascotto. Poi si comincerà a lavorare al concept dell'avveniristico AC75, il monoscafo volante senza chiglia e con foil zavorrati basculanti, che aprirà la finestra su un futuro eccitante e sconosciuto. Allora si che ci sarà bisogno di tutti, e un talento come Jimmy in più nel motore di Luna Rossa, tornerà utilissimo.

Commenti