SEGUICI ANCHE SU

News | Barche > Novità

17/11/2016 - 19:58

Megayacht impossibili

Si chiama solo "A"
la più alta di tutte

Lungo 143 metri, disegnato da Philippe Stark, è il super-superyacht più alto del mondo, con tre alberi alti 90 metri. E' di un miliardario russo, che voleva qualcosa "che andasse oltre i confini". C'è riuscito 


Un altro superyacht stravagante, molto più che bello. Ne ha parlato anche la CNN: il 7 novembre è andato in acqua lo yacht (?) a vela più alto (si, più alto) del mondo. Lungo 143 metri, con alberi di carbonio alti 90 metri (novanta metri).
 
Questo ocean-going appena lanciato appartiene al miliardario russo Andrey Melnichenko, sulle cui fortune preferiamo non indagare (carbone e fertilizzanti, è solo il 139° nella classifica degli uomini più ricchi del mondo secondo Forbes), ma sui cui gusti estetici è lecito nutrire qualche dubbio. Anche sulla fantasia, perchè la barchetta in questione si chiama solo "A". L'iniziale del nome dell'armatore. Scegliete liberamente se ridere o piangere. Dopo il varo sono iniziati i test a  Strande, in Germania, che dureranno un mese, prima della consegna al proprietario prevista per il 2017.
 
Lo yacht è progettato per una velocità di crociera di 16 nodi e una velocità massima di 21 nodi. Ha otto ponti sovrapposti, che gli conferiscono una linea non esattamente marina. Le vele hanno la stessa superficie di un campo da football. Il costo stimato del giocattolo di Mr. Melnichenko è di 450 milioni di dollari. Il precedente "A" (che come la nuova appare all'inizio dei registri navali) era una barca a motore ed è stata venduta per 300 milioni. Il pieno di "A" costa mezzo milione di dollari.
 
Come il precedente "A", il designer è l'archistar francese Philippe Starck, il cantiere è il tedesco Nobiskrug shipyard, mentre gli aberi di carbonio sono dell'inglese Magma Structures. La rivista Boat International specializzata in super-superyacht, ha scritto: “Andrey Melnichenko è un uomo con una visione eccezionale. Voleva una superbarca che si spingesse oltre i confini del design, della creatività e della tecnologia".  Forse è andato un po' troppo oltre? 

Commenti

max ranchi (non verificato)

Avevo letto che non può lasciare il mar Baltico, a causa dei ponti tra Danimarca e Svezia....