SEGUICI ANCHE SU

Messaggio di errore

The spam filter installed on this site is currently unavailable. Per site policy, we are unable to accept new submissions until that problem is resolved. Please try resubmitting the form in a couple of minutes.

News | Regata > Vela Olimpica

03/04/2018 - 12:26

Vela Olimpica in salsa iberica

Palma Sofia, Day 1
bonaccette e sorprese

VIDEO DAY 1 - Primo giorno di vento leggero e instabile, ha fatto impazzire un po' tutti, velisti e organizzatori (arrivati a un certo punto ad avere ben 8 campi di regata attivi nella baia, altro elemento non trascurabile), ma alla fine, chi più (49er, 3 prove e calendario rispettato) chi meno (Laser, una sola prova), la giornata si sfanga. Primo sguardo al volo ai risultati. Pietro Sibello vince la prima al rientro! Super Tita-Banti. Ottimi Camboni, Albano, Maggetti, Spadoni. Bene Plazzi-Tesei - TANTE FOTO NELLA SEZIONE GALLERY

 

MAXI SELEZIONE DI FOTO DEL DAY 1 A PALMA NELLA SEZIONE GALLERY

SU SAILY MAGAZINE I COMMENTI DEL GIORNO DI REGATE

SU SAILY TV ALTRI VIDEO DELLE REGATE DI PALMA TROFEO PRINCESA SOFIA

(Perchè la Vela Olimpica, prima, passa su Saily.it)

 

PALMA DAY 1

La Principessa Sofia si supera nei numeri, oggi la settimana preolimpica di Palma è un evento leader nel panorama e sarebbe utile (specialmente per chi sta progettando un evento italiano del genere) studiarne a fondo i motivi. Più di 850 atleti delle 10 classi olimpiche rappresentano uno spaccato notevole dell'intero movimento.

Primo giorno di vento leggero e instabile, ha fatto impazzire un po' tutti, velisti e organizzatori (arrivati a un certo punto ad avere ben 8 campi di regata attivi nella baia, altro elemento non trascurabile), ma alla fine, chi più (49er, 3 prove e calendario rispettato) chi meno (Laser, una sola prova), la giornata si sfanga. Primo sguardo al volo ai risultati.

CLASSE 49er - Visto che abbiamo sottolineato il clamoroso ritorno di Pietro Sibello, come una bella storia di sport, indipendentemente dal risultato (LEGGI QUI LA STORIA), bisogna dire due cose: intanto che Pietro, con Giacomo Cavalli, dopo 6 anni di assenza dalle regate in 49er, si è preso il gusto specialissimo di vincere (si, primi!) la manche inaugurale di Palma 2018, e a fine giornata sta lì, secondo degli italiani (anche se non ci piace fare classifiche interne, tantomeno dopo il day 1, ma è per dire) dando un'idea interessante del progetto. Vedremo nei prossimi giorni.

L'altra cosa da dire è che c'è un altro "ritorno" sul 49er a Palma, e guarda caso è il danese Jonas Warrer, 39 anni. Ebbene si, proprio lui, nel giorno dell'ennesima coraggiosa rinascita dell'azzurro, si rivede l'oro di Qingdao, quelli del pasticcio della barca croata presa al volo dopo aver disalberato... Vabbè, inutile ripassare la storia. Basta qui. Warrer non è un vero ex come Pietro: basti pensare che a Rio 2016 è arrivato 4° (diciamo che ha assaporato anche lui la medaglia di legno), attualmente si divide tra circuito M32 e coaching in giro per il mondo. Ma ha trovato un prodierino 19enne di Aarhus come lui, e l'idea del mondiale 2018 in casa lo ha attratto inevitabilmente. Alla fine, ritorno per ritorno, magari non è un male che Pietro si ritrovi Jonas.

Tra gli azzurri va detto che Jacopo Plazzi e Andrea Tesei, assenti per infortunio anche al CICO, sono tornati in ottima forma (5-6-14), e che Uberto Crivelli Visconti e Gianmarco Togni (11-12-3) cono comunque appena dietro proprio a Pietro Sibello e Giacomo Cavalli (1-24-12). Occhi puntati sugli sviluppi, anche perchè le previsioni dicono che arriverà ventone...

FX - Gran fermento anche nello skiff femminile, un andirivieni di equipaggi e campionesse. Si è rivista la danese Jena Hansen, medaglia a Rio e tre tappe alla Volvo Ocean Race. Dopo l'oceano il 49er FX è appena arrugginito, ma 7-4-9 dimostrano che l'istinto resta vigile. Tra le azzurre la ritrovata stabilità prodieresca per Maria Ottavia Raggio con Jana Germani rimette in pista la timoniera iridata junior 2017, prospetto più che evidente, buono il loro avvio (14-7-12). Le altre Francesca Bergamo e Alice Sinno (19-18-18) forse amano più vento, e Carlotta Omari e Matilda Distefano (18-19-22) sono ancora un po' acerbe.

NACRA 17 - Pronti-via e siamo sempre là: Ruggero Tita e Caterina Marianna Banti, campioni d'Europa e bronzo mondiale 2017, sparano due primi di seguito, e poi appena rilassati un 3° nella terza manche del giorno. Si accomodano tutti dietro, a partire dall'oro olimpico in carica Santi Lange e Ceci Carranza (ARG) (9-2-1), il campione mondiale in carica Ben Saxton con Nicola Boniface (GBR) nuova giovane prodiera per infortunio della titolare (2-1-3). Fa effetto vedere ancora Iker Martinez con Olga Maslivets, per ora ottavi (5-4-6) e l'ex oro Tornado Fernando Echevarri con Tara Pacheco (dodicesimi con 10-13-2). Il fatto che il vento leggero e girevole abbia fatto volare poco, aggiunge succo al primo posto di Tita&Banti: non si tratta solo della tanto decantata superiorità foiling. Gli altri italiani: 16° provvisorio per Lorenzo Bressani e Cecilia Zorzi (8-8-5), poi 29 Gianluigi Ugolini e Maria Giubilei (7-19-17), 31 Vittorio Bissaro e Maelle Frascari (16-9-16), 41 Erica Ratti e Francesco Porro (20-12-19). Si corre con due batterie da 23 barche.

LASER STD - Un primo di manche per le rispettive batterie e in testa ci vanno in tre, un australiano che di nome fa Finn (vorremmo conoscere il papà) e di cognome Alexander, e poi le vechie conoscenze Sam Meech (NZL) e Lorenzo Chiavarini (GBR). Tra assenze (mettiamoci anche quella del nostro Francesco Marrai) e cambi di classe, mancano (o sono nelle retrovie) un po' di big, gerarchie in movimento. Anche tra gli azzurri: il migliore del giorno a sorpresa è il riminese Giacomo Musone (8 nella sua manche), poi Gio Coccoluto (10), Gianmarco Planchestainer (14), Marco Gallo (18) e via via gli altri nella flotta-monstre di 180 timonieri. Tre batterie da 60 barche.

LASER RADIAL - Due batterie da 57 barche, flotta assortitissima, fuoriclasse, medagliate, vecchie glorie e nuove amazzoni, tutto rimescolato nell'unica prova col vento capriccioso. Comunque giornata di gloria per Carolina Albano (4 di manche), dove mette dietro tra le altre Alison Young e Anne Marie Rindom. La seguono un po' a distanza Silvia Zennaro (19), Joyce Floridia (21), Francesca Frazza (27), Valentina Balbi (37), Carlotta Siboni (49).

FINN - Due prove tutti insieme per i 73 finnisti, e parte forte Alessio Spadoni (10-7) al settimo in generale, davanti a Zarif (BRA), Paine (USA), Lobert (FRA), Heiner (NED). Si difende baby Federico Colaninno (35-54).

RSX M - Grande avvio per Mattia Camboni, al quale serviva respirare un po' di aria di regate che contano: 2° di manche (sono tre batterie da 41 tavole) a mettere subito in chiaro le intenzioni della settimana. Benone anche i giovani Matteo Evangelisti (5), Carlo Ciabatti (6), ottimi anche Antonino Cangemi (9), Luca Di Tomassi (12), Francesco Tomasello (14), Daniele Gallo (22), più indietro Tommaso Maglione (37).

RSX W - Due prove anche per le surfiste, e comincia assai bene la ritrovata Marta Maggetti che torna vincendo la prima prova, dopo il recupero da un infortunio che l'ha tenuta fuori (precauzionalmente) anche dal CICO a Genova. La cagliaritana è 9 in generale con 1-12.Flavia Tartaglini (9-11) è 18 provvisoria.

VIDEO DAY 1

 

MAXI SELEZIONE DI FOTO DEL DAY 1 A PALMA NELLA SEZIONE GALLERY

SU SAILY MAGAZINE I COMMENTI DEL GIORNO DI REGATE

SU SAILY TV ALTRI VIDEO DELLE REGATE DI PALMA TROFEO PRINCESA SOFIA

(Perchè la Vela Olimpica, prima, passa su Saily.it)

Esporta su ANSA: 
NO
Esportato su ANSA: 
NO

Commenti