SEGUICI ANCHE SU

Messaggio di errore

The spam filter installed on this site is currently unavailable. Per site policy, we are unable to accept new submissions until that problem is resolved. Please try resubmitting the form in a couple of minutes.

News | Regata > International

15/05/2017 - 16:40

Di padre in figlio

Mascalzone Onorato Jr
vittoria e dedica a papà

In Toscana Achille Onorato su Mascalzone Latino Jr fa sua la seconda tappa europea Melges 20 World League. E Onorato Jr dedica la vittoria a papà Vincenzo per i suoi 60 anni

 

Uno con la passione per il mare e la vela come Vincenzo Onorato è difficile trovarlo. E altrettanto difficile sarebbe stato immaginare che questa passione non fosse arrivata a qualcuno dei suoi figli. Achille Onorato, che segue le orme paterne anche in azienda, sta diventando sempre più un timoniere di riferimento del mondo one-design. Restando al contempo riconoscente a chi gli ha trasmesso questa voglia di regatare, possibilmente con barche tutte uguali. La dedica della vittoria di Scarlino a Vincenzo Onorato per i suoi 60 anni è un bel pensiero.

Si chiude con il successo di Mascalzone Latino jr. di Achille Onorato (tattico il neozelandese Cameron Appleton) il fine settimana di regate dedicato alla Melges 20 World League, il cui secondo evento europeo (quinto internazionale) è stato ospitato dal Club Nautico Scarlino. La vittoria per i “Mascalzoni” è la diretta conseguenza della fantastica prestazione di ieri (2,1,3), sinonimo di chiara ipoteca per il gradino più alto del podio, che quest’oggi si è concretizzato grazie a un ulteriore successo nella prima prova di giornata, seguito da un nono posto e un ottavo (quest’ultimo piazzamento a vittoria già matematicamente acquisita).

La sfida per i restanti gradini del podio, giocata nei 12 / 14 nodi da 310 gradi offerti dal campo di regata toscano, ha visto prevalere il polacco Mag Tiny di Krzysztof Krempec (coadiuvato dal croato Tomislav Basic) autore di una impressionante rimonta dal decimo posto della prima giornata fino al secondo finale. Al terzo posto è per il russo Nika di Vladimir Prosikhin (con l'italiano Nicolò Bianchi alla tattica), che torna nuovamente sul podio dopo il successo nel precedente evento di Porto Venere.

Tra i primi cinque della classifica generale il leader della ranking mondiale Melges World League Russian Bogatyrs di Igor Rytov (quarto) e l’italiano Maolca di Manfredi Vianini Tolomei (tattico Giulio Desiderato). Nella divisione corinthian il successo va all’equipaggio russo di Martussia dell’armatrice Marina Kaverzina.

La flotta internazionale della Melges 20 World League tornerà protagonista sul campo di regata giapponese di Akia in Giappone dal 20 al 22 maggio, mentre il terzo evento europeo è in programma tra poco meno di un mese (dal 9 all’11 giugno) sul campo di regata croato di Zara che, per la prima volta, ospiterà un evento Melges. 

IL COMMENTO DI ACHILLE ONORATO E DEL TATTICO CAMERON APPLETON

«Non posso che ritenermi felice per i brillanti risultati ottenuti – ha commentato un soddisfatto Achille Onorato – sei regate senza aver sbagliato quasi nulla nelle prime quattro prove: sarà una serie che terremo a mente a lungo. Primi e secondi ieri, seguiti ancora da una vittoria stamattina prima di due regate meno buone, concluse pur sempre nella top ten. Penso che queste prestazioni siano prova di una condizione fisica, tecnica e psicologica ottimali. La stagione è ancora lunga, dobbiamo lavorare molto, ma la strada intrapresa è quella giusta e il risultato ne è la conferma. Dedico questo successo a mio padre, Vincenzo, che domani compirà 60 anni. Gli sono riconoscente per avermi trasmesso tutta la sua passione per lo sport della vela e per il mare il generale».

Conferma l’entusiasmo anche il tattico Cameron Appleton: «È stato di certo un week-end molto positivo. Siamo sempre stati vicini agli avversari principali e abbiamo mostrato una buona costanza nella navigazione che si è tradotta nei risultati, perciò questo esito non può che gratificarci. Stefano, Achille e io stiamo navigando assieme da oltre un anno: tanto lavoro grazie al quale, ora, raccogliamo i frutti».

Commenti