SEGUICI ANCHE SU

News | Regata > Altura

08/07/2018 - 15:59

In tutti i sensi

Livorno Italiani Platu:
La classe c'è sempre!

Quattro giorni di regate perfette a Livorno: 11 prove come previsto, vento medio-leggero, 20 barche tra cui i migliori due equipaggi al mondo nella classe: questa in sintesi l'edizione 2018 del Campionato Italiano Platu 25. I primi due posti conquistati da Euz II (Lanera-Montefusco) e Five For Fighting 3 (De Bellis-Airò) - SU SAILY TV IN ARRIVO SPECIALE CON INTERVISTE E REGATE LIVE

 

"La classe Platu 25 non muore mai", dicono le voci in banchina, e hanno ragione. A giudicare dal successo dell'Italiano 2018 della classe, con venti barche e l'ottima organizzazione dello Yacht Club Livorno, tutte le 11 prove previste regolarmente portare a termine, la classe non ha sofferto il contraccolpo dell'anno successivo al Mondiale in Italia (nel 2017 a Palermo), e la stagione tutta in Toscana è andata benissimo, con equipaggi nuovi che si affacciano. E il finale deve ancora essere scritto: dal 20 agosto il Mondiale a Riga (in Lettonia) con gli italiani di Euz II in veste di defender, e poi a metà settembre ultima tappa del circuito italiano ancora a Marina di Pisa.

A Livorno Euz II (CV Bari) si laurea ancora una volta campione di Italia Platu 25 con una giornata di anticipo, grazie agli otto punti racimolati nelle 9 prove (con due scarti) fin qui disputate nelle splendide acque di Livorno. Il team di Francesco Lanera, con Sandro e Paolo Montefusco, Corrado Capece Minutolo e Roberto Santomanco, ha imposto la propria andatura distanziando di 7 punti gli storici rivali di Five For Fighting 3 (armatore Tommaso De Bellis, con Andrea Airò al timone, Michele Regolo, Gabriele Gorgoni, Raffaele Perrini, LNI Monopoli).

In terza posizione Jhaplin 007 (NIC Catania), che ha distanziato nell'ultima giornata Bastian Contrario (Paolo Lazzerini-Roberto Pardini) e Hurrà (Matteo Ridi): “Siamo molto soddisfatti – le parole dell'armatore di Jhaplin, Cesare Dell'Aria -, purtroppo la penalizzazione per una partenza irregolare ha consentito ad altre imbarcazioni di avvicinarsi a noi e ci giocheremo tutto fino all'ultimo. Noi preferiamo un vento leggero, 6-7 nodi, massimo 8, mentre in questi giorni abbiamo regatato con circa 10 nodi. Euz II ha come al solito una marcia in più, ci traina e ci spinge a migliorare ma il campionato è molto combattuto. È una competizione serrata: basta un solo errore e lo paghi subito”.

Sesta e settima posizione per Nannarella e Astragalo mentre chiudono la classifica Willy, Gallo Cedrone e Caribe.

SU SAILY TV COME DI CONSUETO UN AMPIO SPECIALE CON MOLTI VIDEO SUL CAMPIONATO ITALIANO PLATU 25: DAILY HIGHLIGHTS, INTERVISTE E REGATE IN TELECRONACA DIRETTA

Sezione ANSA: 
Saily - News

Commenti