SEGUICI ANCHE SU

News | Regata > Altura

21/12/2016 - 12:55

Classi e Calendari

Inverno in Platu25
con la testa al 2017

La Classe Platu 25 impegnata in un inverno di regate divertenti, con lo sguardo già all'esaltante stagione 2017 che culminerà col Mondiale in Sicilia. Ecco le ultime da Anzio (dove domina Cumadè Slotter di Marco Belcastro) e da Palermo (dove comanda Isola del Vento di Francesco Di Lorenzo)

 

 

ANZIO-NETTUNO

Cumadè Slotter si laurea campione di inverno del campionato invernale di Anzio. Il team di Marco Belcastro ottiene un quarto e un secondo posto nell'ultimo weekend di regate del 2016, attestandosi al comando con 15 punti insieme a Di Nuovo Simpatia. Avendo lo stesso numero anche di primi posti, Cumadè Slotter è stato premiato in virtù del maggior numero di secondi posti conseguiti.

 

“Siamo molto soddisfatti – le parole dell'armatore, Marco Belcastro -, quest'anno ci siamo rinforzati anche in prospettiva del mondiale in Sicilia del 2017, preceduto dal circuito nazionale. Ci teniamo a fare bella figura ma sto notando come il livello generale si sia notevolmente alzato. Abbiamo con noi anche Federico d'Amico, che viene appositamente da Trieste e si occupa delle scotte. Come ogni triestino, si destreggia bene in condizioni estreme, con poco e parecchio vento. C'è entusiasmo e mi dispiace solo che la Marina (Ghibly) possa regatare solo il sabato, togliendoci la possibilità di sfidare in classifica uno dei leader indiscussi. 

 

Il campionato è molto difficile e apertissimo – prosegue Belcastro -. Siamo a pari punti con Di Nuovo Simpatia mentre Bonaventura ha solo 3 punti in più e avrà un secondo scarto molto buono, che lo farà avvicinare a noi. Dovremo guardarci le spalle”.

 

Insieme a Cumadè Slotter troviamo quindi Di Nuovo Simpatia, reduce da due vittorie nel weekend. La regata di domenica è partita con 3-4 nodi di vento, che sono diminuiti nel corso della gara, e solo la perseveranza di Mario De Grenet, del Comitato di Regata, ha permesso che venisse svolta la prova, pur in condizioni estreme. Prova che ha visto il terzo posto di Bonaventura (del presidente della classe, Edoardo Barni), che ha consolidato il terzo posto in classifica generale.

Più distaccato Alberto Cappiello, al quarto posto, con Astragalo e con soli due punti in meno di Nannarella, l'equipaggio abruzzese che quest'anno si è voluto misurare con il campionato di Anzio. Al sesto posto troviamo Mirò con 31 punti, 13 in meno di Gigiò, mentre Ghibly, Last but not least Nanù e Marlin Blu dei 61 m si attestano rispettivamente in ottava, nona e decima posizione. Chiudono la classifica Jerry Speed, Jolly Team 1 e Jolly Team 2.

LA CLASSIFICA PROVVISORIA

 

 

PALERMO

Un Campionato Autunnale di 23 prove laurea Isola del Vento di Francesco Di Lorenzo come il più forte attualmente della flotta di stanza a Palermo. Nell'ultimo weekend pre natalizio si conclude questa prima fase di lavoro, che condurrà al Campionato Mondiale di fine settembre. L'organizzazione ha lavorato al massimo e l'altissimo numero di prove disputate in due mesi dice tanto sulla qualità dell'impegno profuso per permettere, a tutti, di testare barche ed equipaggio sulla lunga strada verso l'evento iridato.

 

Sabato il mare subisce la pressione della forte perturbazione da Est e si presenta ai concorrenti nella sua affascinante forza. Tra cresta e valle dell'onda sono tre i metri di differenza e il Comitato, nonostante ciò, trova la flotta già fuori dal porto, segno della voglia di darsi da fare con queste condizioni. Si aspetta finché il vento si assesta sui 17 nodi e si comincia. È l'equipaggio di Menef8 dell'armatore messinese Marco Ruggeri quello che si trova più a suo agio. D'altro canto, con Angilella al timone e Leonardi allo spinnaker la cosa è quasi scontata. Prendono la testa  e si muovono tra le onde come se fosse la cosa più semplice del mondo. Ma su un frangente più grande degli altri la barca si muove per un attimo fuori controllo e lo spinnaker tocca lo strallo. Caramella inestricabile e Menef8 rientra dietro la diga foranea del porto per risolvere il problema. Panza e Presenza, altra barca messinese di Francesco Federico, prende allora il comando senza perderlo più. Subito dietro, la regolarissima Isola del Vento. Il vento sale ancora e via ad un'altra prova. È rientrata sul campo di gara Menef8, prende la testa di nuovo, l'equipaggio tutto a schiacciare e timone e randa in mano ad Angilella. Su un'onda una sartia cede, Leonardi e Cernigliaro fanno un bel tuffo, la barca si ferma, il gommone accorre, ma in una trentina di secondi Angilella recupera i due uomini e riparte. L'inatteso stop risulterà però essere troppo lungo, Menef8 rimonta posizione dopo posizione dal retro della flotta e agguanterà un quinto posto. In questa prova vincerà Isola del Vento e subito dietro Panza e Presenza.

 

Domenica il mare si placa, spunta il sole e arriva il vento. Giornata bellissima per concludere il Campionato. Panza e Presenza rivoluziona l'equipaggio e presenta in banchina un team di eccezione composto dagli uomini di Sagola, Campione Italiano ORC in carica. Causa alcune assenze durante il Campionato, Panza e Presenza è tagliata fuori dalla lotta al vertice. Vuoi per evidente bravura, vuoi perché Menef8, Grande Evento e Five for Fighting si controllano fra di loro, Panza e Presenza si aggiudica tutte e tre le prove. Dietro è bagarre, ma alla fine della giornata Isola del Vento riuscirà a mantenere la leadership. Grande Evento si assesterà alle sue spalle in classifica generale, mentre Menef8 riesce a riprendere il terzo posto a Five for Fighting.

 

Si chiude così il Campionato Autunnale che ha premiato l'equipaggio più regolare. Isola del Vento è andata bene in tutte le condizioni di vento e di mare e questa esperienza verrà sicuramente capitalizzata per una gara lunga una settimana come il Mondiale, dove occorrerà mantenersi costantemente in alta classifica, sacrificando qualche acuto e privilegiando il mero calcolo numerico. Grande Evento ha capitalizzato le ottime prestazioni con il vento leggero e deve lavorare tanto quando il vento sale. Menef8 rimane una delle pretendenti alla vittoria iridata, ma dei perfezionisti come Angilella e Leonardi hanno ancora materiale da limare.

 

Ora sosta natalizia e di nuovo in acqua il 21 gennaio per il Campionato Invernale. Ci saranno anche i catanesi di Jhaplin, guidati da Cesare Dell'Aria, un altro equipaggio di Sciacca, oltre a Nikariedda di Roberto Randazzo, guidato da Stefano Reina, Giuseppe Russo da Castellamare, Massimo Barranco finalmente su un Platu, l'equipaggio del Circolo delle Vela Sicilia che lotterà a Settembre per il titolo mondiale Under 25, allenato da Domi Aiello. La flotta diventa ancora più imponente e le tante prove assicurate dall'organizzazione del CUS Palermo e del Velaclub permetteranno a tutti di migliorare ancora.

Commenti