SEGUICI ANCHE SU

Messaggio di errore

The spam filter installed on this site is currently unavailable. Per site policy, we are unable to accept new submissions until that problem is resolved. Please try resubmitting the form in a couple of minutes.

News | Regata > Coppa America

05/04/2017 - 11:12

America's Cup senza pace: quanto è facile sfasciare tutto...

Come ti distruggo il cat

Brusco risveglio in casa della sfida svedese di Artemis (la squadra di Francesco Bruni). Un catamarano AC45 modificato con alcuni sviluppi tecnici e usato per gli allenamenti in vista dell'America's Cup, è andato praticamente distrutto durante una training session nella Great Sound a Bermuda. Cedono le traverse e viene giù tutto. Nessuna conseguenza per l'equipaggio. Ma tanta paura e il ricordo inevitabile alla tragedia del 2013 che costò la vita a Andrew Simpson - GUARDA 5 VIDEO, ANTOLOGIA AC-CRASH

 

E' un vero e proprio naufragio, uno dei catamarani AC45 modificati (T2) da Coppa America del sindacato svedese Artemis Racing, è finito semi-distrutto durante una uscita di allenamento nella Great Sound di Hamilton a Bermuda. Danni gravi alla barca (vecchia, un AC45 aggiornato) e alla wingsail (nuova).

Scene già viste. Catamarani come auto da corsa, facile perdere il controllo, frequenti le rotture. Artemis si conferma non propriamente fortunato con i suoi catamarani di Coppa America, ma scuffie e incidenti sono capitati più o meno a tutti.

Il team ha subito informato sulla propria pagina facebook che non ci sono stati feriti tra i membri dell'equipaggio. Informazione quanto mai attesa e necessaria, visto che proprio Artemis fu protagonista, con il catamarano rosso a San Francisco nel 2013, di un naufragio analogo (confrontando le immagini), che ebbe purtroppo il corollario tragico della scomparsa del velista inglese Andrew "Bart" Simpson.

A cedere di schianto sarebbero state le traverse del catamarano T2 di Artemis, con il seguente collassamento dell'attrezzatura, è stato impressionante veder venire giù la grande ala rigida, la randa wingsail. Dalle poche immagini si vede quanto sia rimasto ben poco del veloce cat volante che poco prima sfrecciava nella baia.

La reazione degli svedesi comunque è stata immediata: hanno comunicato che riprenderanno subito gli allenamenti direttamente con la loro barca nuova, l'AC50 che sarà usato per la Coppa, e che saranno in acqua giovedi per la seconda settimana prevista di training.

Proprio Artemis del resto aveva annunciato poco prima l'arrivo di un rinforzo per il suo sailingh team, con l'ingaggio del giovane finnista australiano Jake Lilley, in qualità di grinder. L'olimpico di Rio 2016, che ad appena 23 anni sta bruciando le tappe, aveva strabiliato nei test dei preparatori fisici di Artemis ed è stato così scelto nel ruolo chiave di grinder, visto che sui catamarani della 35 America's Cup che vanno a 40 nodi, è decisiva la rapidità nel regolare le "vele".

Il periodo di regate a Bermuda sarà dal 26 maggio al 27 giugno.

www.americascup.com

 

LE CELEBRI SCUFFIE E GLI INCIDENTI DEI CAT DI COPPA AMERICA

 

IL NAUFRAGIO DISTRUTTIVO DI ORACLE: LA MADRE DI TUTTE LE SCUFFIE...

 

QUANDO IL GRANDE RUSSELL COUTTS CENTRO' LA BARCA COMITATO...

Commenti

Giuseppe (non verificato)

Per quanto riguarda l'incidente occorso a Russel Coutts, va chiarito che senza alcun dubbio la Barca Comitato avrebbe dovuto essere squalificata in quanto avrebbe dovuto dare acqua a Oracle le spostandosi sollecitamente.