SEGUICI ANCHE SU

News | Regata > Vela Olimpica

30/04/2018 - 23:02

Vela Olimpica

Arrivederci Hyeres,
azzurro incompiuto

Hyeres World Cup va in archivio con le solite luci e ombre: sull'evento (idea meravigliosa e fin qui impossibile), sulla vela olimpica (sport stupendo e misconosciuto), sui velisti azzurri (bilancio sempre in bilico, come un bicchiere pieno a metà). Titabanti ci tengono a galla, e dietro c'è un po' di confusione - SU SAILY TV IL SERVIZIO SU HYERES

 

Bicchiere mezzo pieno: Ruggero Tita e Caterina Banti, Vittorio Bissaro e Maelle Frascari, Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò, Mattia Camboni, Lorenzo Bressani e Cecilia Zorzi, Marco Benini. Bicchiere mezzo vuoto: il 49er, il Laser femminile. Bicchiere e basta: il 49er FX, il 470 femminile. Non c'è tanto tempo per rifiatare perchè si torna presto in regata, ma lo staff tecnico del DT Marchesini ha di che riflettere. C'è un apparato di una certa complessità e importanza anche numerica, ci sono investimenti, e ci sono risultati, per l'appunto, positivi e negativi.

Se Hyeres fosse Aarhus, l'Italia avrebbe conquistato la qualifica olimpica per nazione in Nacra 17, 470 maschile, windsurf RSX maschile, Laser Standard, quattro classi su dieci. Quattro anni fa, le classi a qualifica al primo colpo Mondiale furono sette su dieci. Al vero Aarhus mancano tre mesi. Quattro più tre fa sette. Non ci avete capito niente? Meglio così. Tanto ne riparleremo a lungo, prima, durante e dopo.

IL REPORT FIV SULLA CHIUSURA DI HYERES

(Federvela) Ultimo giorno di regate a Hyères, per la terza tappa delle World Cup Series con le Medal Race delle classi 470 M e F, Laser, Laser Radial e Finn. Impegnati in tutto 70 atleti fra cui gli azzurri Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) nei 470 M, che sono entrati in Medal in ottava posizione e, numeri alla mano, nessuna medaglia è alla loro portata.

Già questa mattina il vento ha iniziato a soffiare intorno ai 10 nodi e per la partenza dei 470 M era salito verso i 15 da sud-est, steso e con onda corta. Una bella partenza per i ragazzi della Marina Militare, stanno nel mezzo, tra i migliori, e finiscono con un bel quinto che gli fa chiudere la classifica in nona posizione. Vincono l’oro gli svedesi Anton Dahlberg e Fredrik Bergström, argento per i vincitori della Medal, in britannici Matthew Belcher e William Ryan e bronzo ai neozelandesi Paul Snow-Hansen e Daniel Wilcox.

“E’ stata una settimana molto difficile, anche oggi nella medal race - dichiara Giacomo Ferrari al termine della regata - sia dal punto di vista meteo che tattico, la flotta qui è al completo, non manca nessuno ed è stata una vera e propria prova generale per Aarhus. Abbiamo lavorato molto bene con i nostri coach Gabrio Zandonà e Pietro Zucchetti e con i nostri compagni della squadra azzurra di 470 in questo periodo, saltare Palma per allenarci ha avuto buoni frutti. Speriamo di continuare così.”

La prima regata del giorno è stata quella dei Laser Standard, con vento sui 10-12 nodi in aumento da Sud Est. Il croato Tonci Stipanovic vince la Medal Race, ma non gli basta per conquistare il podio e termina quarto. L’oro va al francese Jean-Baptiste Bernaz, seguito dal neozelandese, bronzo a Rio, Sam Meech e dall’australiano oro olimpico nel 2016, Tom Burton.

Nei Laser Radial ‘l’asso piglia tutto’ olandese Marit Bouwmeester aveva già vinto ieri con un giorno di anticipo, ma non contenta vince anche la Medal Race e chiude la settimana con la metà dei punti della seconda qualificata, la finlandese Monika Mikkola, e terza l’americana Paige Railey.

Anche nei Finn, con vento sempre più intenso, sui 14 nodi con medesima direzione, il vincitore della Medal Race vince la medaglia d’oro, è Jorge Zarif, dal Brasile, che supera proprio oggi l’olandese Nicholas Heiner leader della classifica fino a ieri. Il bronzo va al turco Alican Kainar.

Ultima prova della giornata è stata la Medal Race dei 470 F, dove le francesi Camille Lecointre e Aloise Retornaz, nonostante abbiamo terminato la Medal Race in ultima posizione, riescono comunque a vincere la medaglia d’oro per una manciata di punti sulle inglesi Hannah Mills e Eilidh McIntyre. Con il secondo posto di oggi a punteggio doppio, le giapponesi Ai Kondo Yochida e MioYoshioka vincono il bronzo ai danni delle cinesi Wei/Gao.

Il prossimo appuntamento con la World Cup Series è per la finale di Marsiglia dal 3 al 10 giugno prossimo, dove solo i migliori 20 equipaggi per classe possono accedere.

Commenti