SEGUICI ANCHE SU

Messaggio di errore

The spam filter installed on this site is currently unavailable. Per site policy, we are unable to accept new submissions until that problem is resolved. Please try resubmitting the form in a couple of minutes.

Storia | Regata > FIV

21/04/2017 - 10:11

La storia si cambia

Nuovo YC Italiano
direttori in cucina!

Aria nuova allo Yacht Club Italiano del neo-presidente Nico Reggio. La nuova Direzione Generale assesta con gli incarichi la gestione del club e delle attività, e intanto convoca nuove elezioni per sostituire i dimissionari. Nel frattempo, guardate come è finito un incontro tra i nuovi dirigenti e i giovani del club: tutti in cucina alla Scuola di Mare...

 

Lo Yacht Club Italiano è tutto nuovo, e non solo per il profondo rinnovamento nelle cariche dirigenziali seguito al terremoto elettivo che ha visto il clamoroso cambio alla presidenza, la fine dell'era di Carlo Croce e l'avvento di Nicolò Reggio. L'aria nuova si respira tanto nei saloni dello storico club, quanto nello spirito e nel modo di affrontare la vita di tutti i giorni.

Guardate cosa è accaduto pochi giorni fa, a margine di un incontro tra i nuovi dirigenti e il gruppo dei giovani atleti dello YCI. Convocati dal presidente Reggio, i ragazzi sono venuti anche con la promessa di una "pasta" per chiudere la serata, ma dopo la riunione, forse per un disguido, dalla cucina non è arrivato nulla. Così è scattato un brillante e unofficial piano B: tutti alla Scuola di Mare, nella palazzina attigua al circolo, e in maniche di camicia, la Direzione Generale del primo yacht club d'Italia, si è messa ai fornelli, e quindi a tavola con i ragazzi, entusiasti del fuori programma.

L'ottima pasta con il tonno avrà avuto anche il suo ruolo, ma il successo della vicenda spiega meglio di tante parole la svolta impressa al sodalizio genovese: in 137 anni di storia è la prima Direzione Generale che si ritrova... in cucina, e con i giovani.

Intanto prosegue la sistemazione organizzativa, già avviata con i nuovi incarichi distribuiti nella prima DG. Per la sostituzione dei consiglieri dimissionari, che hanno seguito la "diaspora" di Carlo Croce, secondo i termini dello Statuto è stata convocata una nuova tornata elettiva che completerà la composizione dell'organo di governo, comunque già operativo ed efficiente.

Una delegazione del nuovo YCI è stata inoltre alla FIV a Corte Lambruschini, a incontrare i vertici tecnici in relazione all'attività sportiva, riscontrando una positiva identità di vedute. Anche a livello operativo, alcuni preziosi collaboratori storici del club, di fatto dei veri e propri professionisti nella gestione dell'attività, sono stati confermati nel ruolo.

Insomma lo Yacht Club Italiano di Nico Reggio in maniche di camicia rinnova l'immagine ingessata e vuole cambiare rotta, pur nella continuità di una storia comune a tutti. Quanto a Croce, secondo alcune voci starebbe pensando al tentativo di indire un'assemblea straordinaria, attraverso una raccolta di firme. Strada impervia e non gradita a molti anche nell'entourage dell'ex presidente, che vorrebbero dissuaderlo. Per provare a dare serenità e continuità al nuovo corso.

Commenti