SEGUICI ANCHE SU

Storia | Crociera > Racconti

14/01/2018 - 16:27

Crederci sempre

Vincere la sordità
sentendo il mare

La storia di Alessio Pardini, velista viareggino, di mestiere coach, mondiale corinthisn Melges 32, dinghysta, da questo inverno anche timoniere di J70. Ma la sua vera vittoria è stata contro la sordità. Anche grazie al mare. Ecco come ci è riuscito

 

Storie di uomini, atleti, storie di passione e coraggio. come quella di Alessio Pardini, viareggino classe 1990, coach nella vita di tutti i giorni nonché fresco vincitore del titolo iridato Melges 32 Corinthian (non professionisti), oggi "sente" anche la vittoria. E, forte di questa sicurezza, debutterà domani al timone del J-70 "Etruria Sailing Team" di Laura Comini a Varazze (Savona), in occasione di "Monomania", campionato invernale monotipo organizzato, nell’ambito della kermesse “44Winter”, dal Comitato Circoli Nautici del Ponente in collaborazione con il Marina di Varazze e il supporto di FIV e UVAI.

La parola sentire ha infatti un significato molto particolare per il 28enne toscano: da quando i postumi di una meningite lo hanno privato dell'udito a 2 anni di età - periodo in cui i bambini sperimentano i suoni del mondo, il linguaggio e l’interazione sociale - la sua vita è stata "tutta alla ricerca delle sensazioni, dei rumori e delle parole per ritrovare almeno in parte quell'organo di senso che non avevo più", racconta.

Nella ricerca della sicurezza interiore, soprattutto durante la terapia audiologica (passata per gli apparecchi acustici prima e i processori cocleari poi), il mare ha avuto un ruolo centrale. "Quello che oggi sono come uomo e come velista lo debbo soprattutto ai miei genitori - afferma Pardini - Come marittimo, mio padre ha cercato di trasmettermi la sua passione per il mare da quando sono venuto al mondo, iscrivendomi addirittura a un asilo che ha sede sulle banchine del porto di Viareggio. Con il sopraggiungere dell’ipoacusia, mi è stato vicinissimo, per aiutarmi a superare meglio il disagio mi ha portato spesso con sé a bordo delle navi e degli yachts su cui ha prestato servizio".

"Il babbo ha lavorato per la famiglia Ferruzzi- continua – Ed è stato anche grazie agli emozionanti racconti del Moro di Venezia che è scoccato l'amore per la barca a vela. Avevo circa 8 anni quando ho iniziato”. Un amore profondo che si è manifestato con un avvicinamento graduale a questo sport, prima con dei corsi di vela sul Lago di Massaciuccoli e poi con delle uscite su un Dinghy 12, regalo di papà Marco. "Ma fino a quel momento non mi sentivo sicuro di me in mezzo al mare per via del deficit uditivo che gli apparecchi usati allora non riuscivano a migliorare.

"La svolta è arrivata nel 2001 quando mi sono sottoposto a un intervento per l'applicazione dell’impianto cocleare all'Ospedale Santa Chiara di Pisa. Grazie ai nuovi processori infatti, seppur con grandi sforzi, il mio udito, le mie facoltà linguistiche e di conseguenza relazionali si sono perfezionati e, sentendomi finalmente un ragazzo normale, ho potuto trovare le prime soddisfazioni nello studio e nella vela". 

Da quel momento in poi "il ragazzo che ascolta il mare" è tornato a sentire e, portando avanti gli studi in ingegneria e una attività sempre più densa come velista su barche d'altura, one design e derive, oggi "sente" il bisogno di ringraziare chi gli ha permesso di vincere la propria battaglia con la sordità: "Sono stato uno dei primi pazienti impiantati da Cochlear in Italia, l’impianto cocleare è una tecnologia straordinaria perché riproduce un organo di senso in modo quasi perfetto. Se oggi sono qui a Varazze, a confrontarmi con i più bravi professionisti insieme a un team di capaci e motivati neofiti, il merito è anche di Cochlear Italia: molto più di un’azienda, un vero e proprio sostegno per tutte quelle 450mila persone che, come me, sono ritornate a sentire”.

Cochlear Limited - Cochlear è il leader mondiale per soluzioni acustiche impiantabili. L’azienda vanta una forza lavoro di 3.000 persone in tutto il mondo e investe oltre 120 milioni di dollari australiani all’anno in ricerca e sviluppo. Nella gamma di prodotti si annoverano sistemi acustici per impianti cocleari, impianti a conduzione ossea e acustici. Oltre 450.000 persone di qualsiasi età in più di 100 nazioni ora riescono a sentire grazie a Cochlear. www.cochlear.com

Ipoacusia - L’ipoacusia è un serio problema sanitario a livello globale: 360 milioni di persone, oltre il 5 percento della popolazione mondiale, sono affette da un’ipoacusia invalidantee si prevede che il loro numero triplicherà salendo a 1,2 miliardi di persone entro il 2050.. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità 72 milioni di persone potrebbero beneficiare di un dispositivo acustico (compresi un impianto cocleare o un apparecchio acustico).

Commenti