SEGUICI ANCHE SU

Messaggio di errore

The spam filter installed on this site is currently unavailable. Per site policy, we are unable to accept new submissions until that problem is resolved. Please try resubmitting the form in a couple of minutes.

Storia | Regata > Coppa America

27/06/2017 - 15:08

Uomini dietro le tecnologie

Svelato il segreto
di New Zealand

VIDEO - Svelata una delle armi segrete di Emirates Team New Zealand: è Nick Bowers, un kite surfer e producer video professionista americano. Due anni fa Glenn Ashby la ha conosciuto in Italia mentre girava video con un drone al Mondiale Classe A, e lo ha voluto nel team. Ha inventato un drone capace di "vedere" da fuori le prestazioni della barca e il comportamento di derive, foil e timoni. Ecco la sua storia - VIDEO

 

L'arma segreta dei neozelandesi? E' (anche) un kite surfer del Wisconsin, producer video e appassionato di droni. Si chiama Nick Bowers, ed è una scoperta degli occhi d'acquila di Glenn Ashby, lo skipper australiano della sfida kiwi. Glenn ha scoperto Nick a un mondiale Classe A in Italia. L'americano girava dei video con uno dei suoi droni, e le immagini realizzate lo colpirono subito, perchè facevano vedere dei particolari sul modo di navigare delle barche, altrimenti invisibili all'occhio umano.

Glen propone a Nick di trasferirsi ad Auckland con moglie e figlioletto, lui accetta e viene assunto con il ruolo di "analista delle performace". Di fatto Ashby lo incarica di studiare tutte le telecamere di bordo, e in particolare i droni, e creare una visualizzazione ottimale delle uscite di test dei catamarani di ETNZ, quelle decisive in cui si confrontano le soluzioni progettuali. 

Nessuno riesce a produrre immagini con l'angolatura che raggiunge il drone di Nick Bowers, e questo offre a New Zealand un vantaggio strategico non indifferente. L'uso dei droni in allenamento non è del tutto nuovo, ma la prospettiva con la quale l'ha sviluppato Glen con Nick è innovativa. In alcuni momenti, quando la barca volava sui foil, il drone di Bowers era più basso dello scafo sull'acqua, dando esattamente le risposte sul comportamento della barca rispetto a ciò che faceva l'equipaggio.

Altro elemento chiave la velocità del drone, capace di stare dietro ai cat a 47 nodi, quasi 90 kmh. "Non c'erano droni in commercio capaci di filmare i cat di coppa America, racconta Bowers, così ho deciso un giorno di costruirne uno." E c'è riuscito, il suo drone è capace di seguire ETNZ con vento forte e mare mosso, alla velocità della barca, volando a un metro dall'acqua e dallo scafo. Una volta a terra Nick ha speso molte ore mettendo a sincro i suoi video con i dati di telemetria della barca. Un lavoro immenso, che ha dato i suoi frutti.

Adesso Nick Bowers è stato assunto dalla federvela statunitense USSailing, per fare lo stesso lavoro con la squadra olimpica.

 

Commenti