SEGUICI ANCHE SU

Storia | Barche > Prove

14/02/2012 - 10:52

Moderno e classico, performante e comodo, personale e all-round. Da Jeanneau "la barca definitiva" - 2 VIDEO

Sun Odyssey 509: al top

Il Jeanneau Sun Odyssey 509 disegnato da Philippe Briand riassume tutti gli sviluppi e le innovazioni negli ultimi anni, e regala una sintesi evoluta della filosofia della gamma Sun Odyssey. Moderno e classico, performante e comodo, personale e all-round. La barca definitiva
 

Cosa succede se un cantiere come Jeanneau si mette di impegno a studiare, effettuare ricerche, concepire evoluzioni, dai concept ai progetti, dalle prestazioni al confort per una gamma sulla quale punta molto, come quella Sun Odyssey? Succede che i modelli beneficiano di tanto investimento e risultano sempre equilibrati, completi, versatili, insomma giusti per la rispettiva fascia di mercato. E cosa succede se lo stesso cantiere desidera cimentarsi con una sorta di top-level della gamma? Succede che arriva il Jeanneau Sun Odyssey 509, la barca definitiva.
 
Come altro definire questo 15 metri che porta con se il lavoro dei 130 ingegneri del Research & Development di Jeanneau, e nasce dalla matita di uno dei più celebrati ed esperti architetti francesi quale Philippe Briand? Il risultato estetico dell'ammiraglia Sun Odyssey è oggettivamente da ammirare. Quelle che una volta erano considerate un po' sbrigativamente le Jeanneau "da crociera", oggi hanno un design che non ha nulla da invidiare a yacht da regata o da lunghe navigazioni. Nei suoi 50 piedi, il S.O. 509 si permette di incarnare al meglio questa evoluzione della specie.
 
Silouette slanciata, grande larghezza soprattutto a poppa, linee d'acqua con il dolce spigolo poppiero di derivazione oceanica, un piano di coperta a tutto teak, con tuga proporzionata che ingloba molti punti luce per illuminare gli interni, manovre tutte nascoste sotto ai carter, rinviate e facilitate al massimo, doppia timoneria e pozzetto di grandi spazi per l'equipaggio e gli ospiti. La fiancata è nobilitata da altri 5 oblò per ciascuna mura, che danno ulteriore personalità allo yacht.
 
Il piano velico allungato tradisce la voglia segreta del Sun Odyssey 509 di non limitarsi a una "vela ausiliaria" come capita a volte su scafi da crociera pura, ma di inseguire prestazioni elevate anche con i venti leggeri che è facile trovare d'estate. Un piano velico personalizzabile grazie a numerose opzioni, che vanno dal sistema autovirante al Code Zero e al gennaker in alternativa allo spinnaker. Oltre a garantire una gestione facile della navigazione a vela, la barca è dotata del sistema 360 Docking, con il motore accoppiato a un sail drive rotante manovrato da un intuitivo joystick che rende semplicissime le manovre in porto.
 
Una scala ampia e comoda con inclinazione dolce porta all'interno del Sun Odyssey 509. Interni decisamente da ammiraglia. Colpisce la sensazione di grande volume e spazio, amplificata dalla luce che arriva da tutte le parti (dal tetto della tuga, dagli oblò in fiancata, da quelli laterali, in ogni cabina e bagno e nei punti chiave), e dal calore del massello trattato con vernice opaca. Tutto l'arredo e i rivestimenti sono virati su colori chiari.
 
Ma il confort non è solo una sensazione: i numerosi dettagli e le rifiniture hanno tutti un risultato pratico. Il grande tavolo fisso contornato da un divano ben disegnato e completato da due poltroncine di design, è il protagonista della dinette, alla quale si arriva lasciando a destra l'ampia zona cucina e a sinistra un carteggio altrettanto spazioso e comodo. Dal lato opposto il salone ospita un ampio divano con tavolino relax. La cabina armatoriale è a prua, con ampie finestrature, letto spazioso, bagno con doccia separata e stivaggio infinito in tantissimi armadi e vani. A poppa si sviluppano altre due cabine doppie. I bagni possono essere due o tre a scelta.
 
LA PROVA IN MARE
Usciti facilmente dal porto, e issate le vele, il top dei Sun Odyssey sa dimostrarsi veliero vero, un Briand di razza. Le posizioni a bordo sono comode, il pozzetto, profondo e asciutto, può essere ulteriormente protetto da una capottina ampia e con finestrature che lasciano la visibilità, e più a poppa da un comodissimo bimini. Lo specchio di poppa contiene ampi gavoni e si abbatte trasformandosi in piccola spiaggia privata. Le timoniere hanno un'ottima visibilità e tutti i comandi e i plotter di navigazione a portata.
 
Con vento medio leggero intorno a 7-9 nodi, la bolina regata soddisfazioni e sensazioni immediate: sbandamento contenuto (anche grazie agli spigoli sulla poppa), e velocità sempre generosa e costante. La prua dritta e stretta ha un'ottima entrata sull'onda, tutto lo scafo ne risente positivamente. Poggiando e lascando le vele la velocità aumenta subito. La risposta alle regolazioni delle vele o all'intervento sul timone rivela una barca reattiva e pronta. D'altra parte i 15 metri si fanno sentire quando il vento e il mare salgono un po': perché la barca aumenta le prestazioni senza mai perdere stabilità e dolcezza dei movimenti. Insomma sul 509 ci si sente a bordo di una barca a vela vera, anche e soprattutto in navigazione.
(In collaborazione con BLU Mag di febbraio)
 
SCHEDA TECNICA
Lunghezza f.t          15,38 mt
Baglio massimo     4,69 mt
Pescaggio          1,73-2,28
Dislocamento           13.900 kg
Superficie velica     104-134 mq
Prezzo               € 227.300 Iva esclusa
http://it.jeanneau.com/
 
 
VIDEO SUN ODYSSEY 509 IN NAVIGAZIONE

 
 
VIDEO SUN ODYSSEY 509 IN BANCHINA

Commenti