Storia | Cultura > Scuole vela

19/01/2019 - 16:51

AL BOOT DI DÜSSELDORF

Il CV Caprera apre al mondo

Il Centro Velico Caprera verso una stagione nella quale saranno disponibili nuovi corsi orientati ad allievi che non conoscono la lingua italiana e vogliano comunque scoprire il fascino dell’andar per mare nell’arcipelago di La Maddalena

 

La celebre scuola vela italiana sull'isola di Caprera e l'omonimo Centro Velico, una vera istituzione storica, si aprono a una fase di internazionalizzazione di corsi e attività. Il Centro Velico Caprera infatti partecipa con l’International Sailing School Association (ISSA) a Boot Düsseldorf, il più importante salone nautico indoor, in scena dal 19 al 27 gennaio in Germania, confermando il proprio impegno nella divulgazione e nell’insegnamento della pratica velica che, dal 1967, ha potuto trasmettere ai suoi 120mila allievi.

In occasione di questo appuntamento, il Centro Velico Caprera è presente presso lo spazio espositivo di ISSA (pad. 14 – stand C43) per promuovere le best practices che condivide con l’associazione costituita nel 1969. Quella di Caprera, infatti, è una delle 3.500 scuole appartenenti all’autorevole network.

Con una straordinaria passione per l’arte della marineria e un modello innovativo di sostenibilità, il Centro Velico Caprera si fa carico di conservare la biodiversità del territorio in cui è inserito, l’arcipelago di La Maddalena, e valorizzare una collettività sempre più ampia di allievi, che contempla anche progetti di velaterapia.

Il tratto di mare del Centro Velico Caprera è una vera e propria palestra naturale per la pratica marinara perché presenta condizioni di vento e di mare uniche nel Mediterraneo. Questo è il luogo ideale per muovere i primi passi, crescere e perfezionarsi nella formazione velica, in una delle basi più belle del mondo.

La scuola è aperta ad allievi di ogni età e competenza offrendo un percorso formativo di tre livelli, sia su deriva che cabinato. Per ogni fascia di alunni, la scuola mette a disposizione gli istruttori più adatti e la flotta di imbarcazioni più stimolante e sicura. A tal proposito, il boat show di Düsseldorf è anche l’occasione per stringere nuove alleanze e proseguire nel processo di rinnovamento della propria flotta sia in ambito deriva che cabinati.

L’insegnamento della vela, la sua pratica e lo stile di vita alla base di Porto Palma sono intimamente connessi con il rispetto dell’ambiente. Per questo sono stati avviati importanti e concrete iniziative di cooperazione con One Ocean Foundation (www.1ocean.org), il programma di sostenibilità ambientale dello Yacht Club Costa Smeralda impegnato attraverso la Charta Smeralda nel diffondere la salvaguardia del mare anche in ambito nautico, e con CleanSeaLife (www.cleansealife.it), il progetto di sensibilizzazione ambientale e pulizia delle coste e dei fondali finanziato con i fondi LIFE della Comunità Europea.

Da ultimo, la scuola di Caprera ha intenzione di ripetere l’ottima esperienza dello scorso anno con il Corso Navigazione e Ambiente, in cui unbiologo marino accompagna gli equipaggi alla scoperta dei Parchi Naturali del Nord della Sardegna. Perché il Centro Velico Caprera è innanzitutto una scuola di amore per il mare e la natura.

Il Centro Velico Caprera - Fondato nel 1967 per iniziativa della Lega Navale Italiana Sezione di Milano e del Touring Club Italiano, con il patrocinio della Marina Militare che concesse in uso l’insediamento della base militare di Caprera nella straordinaria cornice dell’Arcipelago de La Maddalena, il Centro Velico Caprera, come membro dell’Issa (International Sailing Schools Association) è la più importante scuola di formazione velica del Mediterraneo.

È una realtà straordinaria in rotta verso il futuro che si fa carico di importanti responsabilità verso l’uomo e l’ambiente. Un punto di partenza per restituire equilibrio alla relazione fra gli uomini e fra l’uomo e la natura. Lo fa con entusiasmo, lungo una rotta che vuole portare molto di più della semplice passione per il mare alle nuove generazioni, e lungo la quale accoglierà a bordo nuovi partner, idee e progetti che condividano e supportino gli stessi valori profondi del Centro Velico Caprera.

Il patrimonio storico, culturale e umano che il Centro Velico Caprera ha costruito negli anni è portato avanti e protetto da una comunità di oltre 120.000 persone che si riconoscono nei valori del Centro Velico Caprera, ma anche nella semplice, ed allo stesso tempo straordinaria, esperienza dell’essere equipaggio a terra prima ancora che per mare. Perché per un equipaggio preparato e affiatato, non vi è mare che non si possa attraversare, neppure sulla terra ferma.

www.centrovelicocaprera.it

Sezione ANSA: 
Saily - News

Commenti